Alvvino per Roda

Si chiama Alessandro ma il suo nome d’arte è Alvvino. Approda a Berlino, con la curiosità di esplorare i nuovi orizzonti della grafica e dell’illustrazione. Il suo è un lavoro affascinante, che ha il pregio di accompagnare con la mente le fantasie più ricercate per poi tradurle in un segno, un bianco e nero incisivo e dirompente. Così si potrebbe dire, se non fosse che da qualche anno ha deciso di abbandonare l’approccio monocromatico per lasciarsi ispirare dal mondo dei colori. Un vortice variopinto che permette di coprire uno spettro d’illusioni ancora più vasto e complesso. La sua arte nasce dalla tecnica del collage. I lavori prendono spunto dalle incisioni dell’800, che vengono reinterpretate e ricomposte. Alvvino dà forma a situazioni surreali, ambienti soprannaturali e di fantasia, che esprimono con forza il suo mondo intellettuale. Immagina Roda come un vortice che raccoglie le esperienze di lunghi viaggi. Un pianeta sensoriale che racconta di un percorso tra ombre e colori all’interno di un ambiente naturale. Il risultato è un ecosistema circolare di sciarpe mosse dal vento, uccelli di diverse specie, foglie, rocce e piumaggi colorati. Il mondo Roda visto con gli occhi di Alvvino è un universo che si può concedere il lusso di evolvere.

 

Illustrazione
Alvvino

Illustratore e grafico freelance a Berlino. Ha lavorato come art director per gallerie d'arte, case di moda e case discografiche.
sito web